I giovani della formazione professionale alla Santa Messa in Duomo con l’arcivescovo di Milano

Il 19 marzo, solennità di San Giuseppe, i nostri ragazzi insieme ai ragazzi della formazione professionale provenienti da tutta la Lombardia hanno partecipano alla celebrazione eucaristica in Duomo per pregare insieme, riflettere, ascoltare l’Arcivescovo.

«Desidero che vi sentiate tutti accolti con simpatia e con rispetto: in questa chiesa che ha tanti secoli voglio che si senta la giovinezza», spiega all’inizio della messa monsignor Delpini, che nell’omelia scandisce «l’elogio di coloro che partono»: «Quelli che avvertono l’attrattiva di una terra promessa e intraprendono un viaggio, sia pure per strade che non conoscono, fiduciosi che sul cammino qualche angelo li aiuterà. L’elogio dei ragazzi che vivono la loro giovinezza con l’impazienza di diventare adulti e contestano la nostalgia di restare bambini. Quelli che sono pieni di gratitudine per ciò che hanno ricevuto, ma che sono consapevoli che non è più tempo di essere accuditi e serviti. Quelli che sono attratti da una promessa che è convincente perché il fascino dell’impresa di diventare adulti è più persuasivo che stare sul divano a lamentarsi di come sia sbagliato il mondo e schifosa la società».

E continua Delpini, «gioventù che non ne può più di stare ferma e sola in un mondo virtuale senza fatiche da condividere, senza opere che si possono vedere, toccare e che siano utili a qualcosa. Elogio di quelli che partono perché hanno imparato di avere stima di sé e sanno di avere più qualità che difetti, anche se talora sono portati a deprimersi e a dubitare di non essere adatti alla vita. Elogio di quelli che pensano che il mondo non sia un pasticcio irrimediabilmente rovinato, ma lo vedono come una sfida e una vocazione e perciò vogliono mettere mano all’impresa di aggiustarlo. La società non può fare a meno di quelli che vogliono reagire a coloro che si lamentano di tutto». Questi sono i ragazzi che partono insieme, «interpretando l’amicizia non come un legame che diventa complicità nella trasgressione e nell’eccitazione di una notte, ma come incoraggiamento a coltivare la passione per le cose buone, per il sogno di un mondo più pulito, accogliente e solidale. Un gruppo di amici convinto può annunciare l’alba di una nuova primavera». Ma di cosa hanno bisogno questi viaggiatori della vita? Per il vescovo Mario occorrono «la passione, il gusto, l’entusiasmo per le cose giuste, per il bene di tutti; la magnanimità e la compassione. Per aggiustare il mondo è necessario imparare un mestiere, decidersi con determinazione. Buona volontà e competenza sono le risorse» con cui farlo, «in un’alleanza con Dio rinnovata nell’Eucaristia. È questo il mio elogio per voi che siete qui».

Per chi non ha potuto partecipare, di seguito riproponiamo il video dell’omelia dell’Arcivescovo e il video integrale della Santa Messa.

Comments are closed.
Carrello